EcoCentro (CERD)

Che cos'è

L'EcoCentro è uno spazio dove si portano alcuni rifiuti che, per dimensioni o per tipologia, non possono essere raccolti porta a porta.



Come accedervi

A partire dal 1° gennaio 2019 entrano in vigore nuove regole per l’accesso agli EcoCentri.

Le famiglie (utenze domestiche) devono presentarsi con la tessera sanitaria dell’intestatario del contratto; mentre le utenze non domestiche devono esibire l’autorizzazione cartacea e l’EcoCard, una tessera magnetica fornita da Contarina dove sono registrati i dati relativi all’utenza, come: numero di contratto, tipologia e quantità dei rifiuti conferibili. Dal 1° aprile, invece, basterà presentare solo l’EcoCard.

Inoltre, tutte le utenze che accedono agli EcoCentri devono dichiarare e mostrare all’operatore addetto alla guardiania tutti i rifiuti da conferire e sono tenute a seguire e rispettare le indicazioni fornite dal personale presente nelle strutture.

Questo nuovo sistema consente di registrare in modo informatizzato gli accessi con l’obiettivo di garantire la massima sicurezza all’interno dell’EcoCentro, facendo entrare solo le utenze che ne hanno diritto.

Dove si trova

L'Ecocentro Contarina si trova in Via Vallio 6

Orari Ecocentro

Giorno

Ora solare
Dal 1 gennaio al 25 marzo e dal 29 ottobre al 31 dicembre

Ora legale
Dal 26 marzo al 30 ottobre

Martedì

14.30-17.30

15.30-18.30

Giovedì

9.00-12.00

9.00-12.00

Sabato

9.00-12.00 / 14.30-17.30

9.00-12.00 / 15.30-18.30

Cosa portare

Attenzione:


  • porta i rifiuti già divisi per tipo e ridotti di volume

  • segui le indicazioni dei cartelli e del personale presente all'interno dell'EcoCentro

  • non prelevare rifiuti già presenti all’interno dell'EcoCentro

  • non lasciare materiale all’esterno dell'EcoCentro



 

Ogni Ecocentro è dotato di contenitori differenziati, in cui è possibile conferire:

  •  cartone
  • vetro
  • inerti
  • imballaggi in plastica
  • ferro e metalli
  • legno
  • sfalci e ramaglie
  • RAEE (computer, lavatrici, televisori, condizionatori e altri beni contenenti schede elettroniche)
  • rifiuti pericolosi di provenienza domestica (contenitori etichettati T & F, pile e batterie, accumulatori al piombo, farmaci e medicinali, scaduti)
  • pneumatici usati di provenienza domestica
  • toner e cartucce per stampanti di provenienza domestica
  • oli e grassi commestibili
  • oli minerali di provenienza domestica
  • rifiuti ingombranti non recuperabili che, per eccessive dimensioni, non è possibile conferire al circuito ordinario di raccolta (materassi, poltrone,…)
  • oggetti in plastica rigida (mobili da giardino, bacinelle, secchi, annaffiatoi e altri oggetti tutti completamente in plastica).